Menu

02/05/2021

La foresta dei violini di Paneveggio e il Bosco che suona in Val di Fiemme: alla scoperta degli abeti rossi di risonanza

Gli abeti rossi della foresta dei violini di Paneveggio | La Trentina

Categorie

Se potessimo vedere chiaramente il miracolo di un singolo fiore, l’intera nostra vita cambierebbe.

Buddha

Parlare del legno di abete rosso di risonanza – proveniente dalla Foresta dei violini di Paneveggio e dai boschi della Val di Fiemme – vuol dire sostanzialmente parlare di un miracolo della natura. Ma questo non è un semplice modo di dire… Stiamo parlando invece di un qualcosa di veramente straordinario, di un albero maestoso ed estremamente longevo, e di un legno dalle proprietà eccezionali, ricercato – da secoli – dai migliori liutai del mondo.

L’abete rosso: come riconoscerlo

Noto anche come “peccio”, l’abete rosso è un albero appartenente alla famiglia delle Pinaceae. Cresce diffusamente nell’arco alpino e in vari areali in Europa. Può raggiungere anche 40-45 metri d’altezza ed è fortemente caratterizzato da un portamento slanciato e da una chioma a cono abbastanza stretta. Gli aghi ci permettono di distinguerli dagli altri abeti, grazie alla peculiare sezione quadrangolare. Ma sono soprattutto i rami che possono aiutarci a riconoscere subito gli abeti rossi e a non confonderli con gli abeti bianchi: nei primi, i rami principali sono orientati verso l’alto, nei secondi sono solitamente orizzontali.

La foresta dei violini di Paneveggio e gli altri areali del Trentino

Gli abeti rossi di risonanza, questi incredibili alberi musicisti, vivono in pochi areali in Europa e tra questi, hanno eletto proprio il Trentino come loro culla prediletta. 

La nostra regione ospita infatti: 

  • la rinomata Foresta di Paneveggio, nota come Foresta dei violini, estesa su 2793 ettari, famosa in tutto il mondo;
  • il Bosco che suona in Val di Fiemme;
  • boschi di abeti rossi in Valle di Ledro sul monte Tremalzo.

Antonio Stradivari e la Magnifica Comunità di Fiemme

Famose case produttrici di strumenti musicali di alta qualità scelgono il legno di risonanza degli abeti rossi di Paneveggio e della Val di Fiemme per la realizzazione delle tavole armoniche. Ma questa preferenza segue una tradizione di secoli che già coinvolgeva i famosi liutai cremonesi del ‘600, in primis Antonio Stradivari; il famoso artigiano della musica si rivolgeva alla Magnifica Comunità di Fiemme per selezionare il legno da utilizzare per la realizzazione dei suoi magistrali strumenti musicali. Una leggenda – ma è corretto dire che non esistono prove certe – vuole Stradivari impegnato in prima persona in queste foreste, alla ricerca del miglior legno, grazie ad una tecnica particolare: far rotolare i tronchi lungo i declivi per ascoltarne il suono e sceglierne quindi i migliori…

Insomma, una gita da non perdere! Per visitare la Foresta di violini e il Bosco dei suoni vi suggeriamo di contattare l’Ufficio Informazioni di Predazzo e l’Ente Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino.

Scopri anche

MyTrentina

Scopri MyTrentina

Vogliamo portare tutti i giorni il Trentino a casa tua. Il Trentino del benessere, dello sport, delle tradizioni, dei sapori, dei profumi, delle emozioni e dei ricordi. Unisciti a noi e lasciati ispirare. Entra a far parte della nostra Community!

La Newsletter

Ci farebbe piacere restare in contatto con te. Una volta al mese ti invieremo una lettera con le opportunità che la nostra terra e i nostri prodotti possono offrirti. Perché sappiamo che il tempo è prezioso per tutti e a noi la qualità del tuo interessa moltissimo.

  • Presa visione dell'informativa sul trattamento dei dati personali consapevole che il mio consenso è puramente facoltativo, oltre che revocabile in qualsiasi momento
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.